"In questo periodo di particolare emergenza Coronavirus Covid19  è quanto mai necessario dare serenità alla popolazione e soprattutto all'ambiente ospedaliero impegnato in prima linea, facendo sentire la politica vicina e palpabile quasi sulla stessa prima linea e non su una tolda di comando."

Sono le parole del deputato regionale l'On. Carmelo Pullara Vice presidente della VI commissione sanità all'Ars.

"Nella giornata odierna -dichiara Pullara- dopo aver avvertito la direzione aziendale dell'Asp di Agrigento, sono stato personalmente a verificare la situazione all'interno di tutti gli ospedali della provincia di Agrigento (Agrigento, Canicattì,Licata,Sciacca e Ribera), non escludendo nel prossimo futuro visite in ospedali di altre provincie, e ho constatato che tutto il personale sanitario, medici ed infermieri, sta  lavorando alacremente per poter fronteggiare il diffondersi della pandemia Covid 19 e per trovarsi preparati su ciò che può avvenire nei prossimi giorni. Incontrando i diversi responsabili ed operatori ho potuto raccogliere lamentele e preoccupazioni soprattutto sulla mancanza di dpi ma anche importanti spunti di riflessione su progettualità da porre in essere come quelle raccolte all’ospedale di Ribera luogo di cura interessante su cui oggi si potrebbe puntare quale polmone ricettivo a doppio binario, tutti spunti e lamentele che porterò a livello regionale.

In riferimento in particolare alla  situazione dell' ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, sulla quale mi sono espresso più volte, e sull’allarme che si è scatenato in questi giorni, segnalo come fatto positivo la determinazione da parte dell'assessore regionale Razza di emanare un decreto per la nomina di un commissario ad Acta per la gestione emergenza coronavirus Covid 19 .

"Sono stato costantemente in contatto con l'assessore Razza -spiega Pullara- e il provvedimento mira ad assicurare la popolazione nonché il personale sanitario tutto attraverso una voce"terza" piuttosto di una voce interna.

Questo al fine di avviare una gestione serena e fiduciaria in linea con le misure organizzative.

Si era diramata preoccupazione  tra la gente e il personale sanitario, e pertanto, è necessario -conclude Pullara-  assicurare serenità a tutta la popolazione e all'ambiente ospedaliero mediante un'attività di trasparenza.”

In questi giorni sono praticamente rimasto in attività e ciò al fine non solo di dare supporto e consigli a chi ha la responsabilità gestionale e politica ma, soprattutto, per assicurare una comunicazione quanto più chiara possibile, che sia bella o brutta non importa, ma deve essere reale perché tutti dobbiamo sapere per meglio difenderci in questo momento così difficile”